Recenti

Riunione appello ai repubblicani

di Eugenio Fusignani

Caro Bergamante, ho ricevuto con piacere l’invito per l’iniziativa del 25 marzo prossimo alla quale, per impegni di lavoro, non potrò prendere parte. In ogni caso desidero farTi sapere che, quand’anche non presente fisicamente, lo sarò idealmente. Credo, infatti, che ogni Repubblicano, dentro e fuori il PRI, non possa non ritenere mortificante lo stato in cui versa il PRI e, conseguentemente, prendere le distanze dagli esiti del 47° Congresso Nazionale. Un’assise che, oltre a non avere avuto il coraggio di affrontare compiutamente il tema del grave dissesto finanziario in cui versa il PRI, non è stata in grado di indicare una prospettiva politica per il partito che non fosse la stantìa e pretestuosa Costituente Liberaldemocratica che accompagna la mancanza di idee almeno dal 2007. Dunque un Congresso che, al di là dei dubbi sulla legittimità e sulla sua correttezza statutaria, ha fallito soprattutto l’obiettivo di porre le premesse per consentire di riportare il Partito nel pieno del dibattito politico nazionale. Per questo ritengo che permanga, sempre più forte e stringente, la necessità di dar corso ad una fase di ri-fondazione e ricostruzione del Partito che nessun rituale ordinario può e deve affrontare. Dunque, occorre pensare che una fase di straordinarietà come l’attuale possa passare solo attraverso un’assise costituente, aperta al concorso di tutti i Repubblicani, iscritti e non iscritti, da convocare con urgenza e che, oltre ai nodi politici, sappia affrontare anche i temi organizzativi ed il modello di partito che si dovrà rimodellare per renderlo più consono ai tempi e alla geografia della presenza Repubblicana in Italia. Una presenza che va riproposta in ogni angolo del Paese, partendo dalle assemblee elettive locali e che necessita, pertanto di tempo e di adeguati assetti d’impostazione federale. In questo senso, ogni azione volta a sollecitare le coscienze e stimolare le azioni dei Repubblicani, deve essere salutata con favore e valutata con interesse ed attenzione. E poco importa se a proporla è uno invece che un altro, o se tra i promotori ci sono Consiglieri Nazionali eletti nella mozione consclusiva del 47° Congresso; in questa fase sono prioritarie le idee e l’azione e, dunque la ricerca dei punti comuni; vale a dire di ciò che ci unisce e riunisce quanti
hanno a cuore le sorti del Repubblicanesimo e del PRI, dopo la devastante e sciagurata gestione di questi ultimi 15 sventurati anni. Ed è per questo che mi ritrovo nello spirito dell’iniziativa del 25 marzo dove, insieme ai migliori auguri di buon lavoro, desidero sottoporre all’attenzione dei Repubblicani che parteciperanno, il documento che abbiamo portato a conoscenza del Congresso e che porta le firme di molti amici, con l’auspicio che possa incontrare consensi ed adesioni anche in questa importante occasione. In ogni caso resto convinto che come l’assemblea degli autoconvocati del 28 giugno scorso al Centro Congressi Cavour, questa del 25 marzo rappresenti un altro passo nella direzione di ridare dignità al PRI e prospettive al movimento dei Repubblicani.

Un fraterno abbraccio.

Eugenio Fusignani (segretario PRI Ravenna)

Eugenio Fusignani <yugi@libero.it 19.03.15
Ravenna, 19 marzo 2015

Informazioni su Unita' Repubblicana ()
Associazione politica per l'Italia della ragione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...